Archivi tag: risparmio energetico

LEGAMBIENTE A MAISON ET LOISIR PER PARLARE DI SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE NEI CONDOMINI

Lunedì 24 aprile dalle ore 10 alle ore 13
Sala Conferenze – Maison&loisir
“CIVICO 5.0: LA SOSTENIBILITA’ E L’EFFICIENZA
ENERGETICA NEI CONDOMINI”

PROGRAMMA DEI LAVORI
H 10: Registrazione dei partecipanti (per i prenotati)
H 10.15: apertura dei lavori. Saluto dell’Assessore alle Attività Produttive, Energia, Politichedel Lavoro e Ambiente, Fabrizio Roscio. Presentazione dei relatori e introduzione diAlessandra Piccioni, vicepresidente del Circolo Legambiente VDA.
H 10.30: intervento dell’Assessorato attività produttive, energia, politiche del lavoro e ambiente, Struttura Risparmio energetico e sviluppo fonti rinnovabili, Ing. Donatella Ducourtil:                                     “I mutui della Regione per l’efficientamento energetico dei condomini, previsti dalla l.r. 13/2015”                                                                 H 10.50: Francesco Bonvicini: “Il catasto solare aiuta nella scelta dell’impianto: il caso di Morgex”
H 11.10: pausa caffè
H 11.30: Francesco Brega, Legambiente nazionale: “Civico 5.0: un nuovo modo di vivere in Condominio – La campagna di Legambiente su efficientamento energetico e sharing
economy condominiale”
H 11.50 : Giorgio Ottin: “Mito Hotel – Riqualificazione immobile ad uso ricettivocommerciale:  dallo studio di fattibilità alla realizzazione con ampio utilizzo di energie rinnovabili”
H 12.10: conclusioni di Katiuscia Eroe, responsabile nazionale energia di Legambiente
H 12.30: spazio libero per dibattito e domande ai relatori
H 13.00: termine dei lavori.

19 febbraio – M’illumino di meno 2016

index

Anche quest’anno il Circolo Legambiente Valle d’Aosta aderisce all’iniziativa “M’illumino di meno”, promossa dalla trasmissione radiofonica Caterpillar e giunta ormai alla 12° edizione, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul Risparmio Energetico e la mobilità sostenibile. Le attività degli ultimi mesi da noi svolte in tal senso ci hanno resi ancora più consapevoli dell’impatto nocivo dello spreco di energia sul delicato ambiente montano della nostra Regione e della scarsissima informazione data ai cittadini al riguardo.

“Pochi valdostani percepiscono oggi l’entità del fenomeno chiamato ‘inquinamento luminoso’ – dice la presidente Alessandra Piccioni – almeno fino a quando non li si invita a rivolgere lo sguardo verso il cielo notturno: allora molti restano sorpresi e confusi di non trovarvi più le stelle… quelle stesse che i loro nonni potevano ammirare persino dal capoluogo solo pochi decenni fa!”

Un’enorme patrimonio culturale è andato perduto per gli abitanti dei centri maggiori della nostra bella Valle ed anche nelle vallate laterali le stelle stanno sparendo a causa di un’inadeguata legislazione al riguardo e di un dissennato uso dell’illuminazione pubblica. In poche parole si illumina troppo e male, con buona parte dell’energia che viene sprecata verso l’alto.

Sia ben chiaro che noi non siamo contro un uso razionale ed attento degli strumenti oggi a disposizione dei Comuni per un’illuminazione pubblica efficace e sicura, tutt’altro! Crediamo infatti nella tecnologia. Però ne rileviamo anche le insidie, magari nascoste dietro un’apparente risparmio economico che invoglia gli investimenti degli Enti Locali; nel caso dei LED, per esempio, occorre porre la massima attenzione perché le installazioni attuali a luce bianca (si veda il caso di Milano) sono fin troppo potenti e provocano abbagliamento. Basterebbe diminuire la potenza installata e passare ad una confortevole luce arancione per abbattere decisamente sia l’inquinamento che i problemi economici ed ambientali.

Se i benefici del risparmio economico sono di più intuitiva comprensione, per quanto riguarda i problemi dell’ambiente la percezione della gente è ancora minore, pochi infatti sono a conoscenza dei danni che l’illuminazione artificiale causa a diverse specie animali (in primis insetti e uccelli), esseri umani compresi (alterazione dei ritmi circadiani, insonnia, ecc…) nonostante una sterminata bibliografia specialistica sull’argomento.

Riteniamo quindi importante per la nostra Associazione portare all’attenzione di tutti i valdostani il problema, da soli o insieme ad altre Associazioni specializzate, promuovendo al contempo collaborazioni con Astrofili volenterosi per organizzare in futuro osservazioni pubbliche degli astri.

Per quanto sopra… il 19 febbraio spegniamo la luce… e accendiamo le stelle!