Archivi categoria: iniziative sul territorio

GIOVEDI’2 MARZO ALL’ESPACE POPULAIRE : DOCUMENTARIO SU BERTA CACERES,MILITANTE AMBIENTALISTA ASSASSINATA IN HONDURAS.

Giovedì 2 marzo – 18h00 – Espace Populaire Ingresso libero – con la collaborazione di Legambiente VdA

Proiezione di:

  • “Ribelle indomabili”
  • “In difesa della vita”

“Berta Vive, el Copinh sigue”

Il 2 marzo del 2016 la nostra sorella Berta Caceres è stata assassinata.

Credevano in questo modo di farla finita non solo con la leader riconosciuta in tutto il continente latino americano e nel mondo, ma anche farla finita con un’idea, con una lotta, con un progetto politico; farla finita con l’organizzazione della quale fu fondatrice e figlia allo stesso tempo, el Copinh (Consejo Cívico de Organizaciones Populares e Indígenas de Honduras).

Al compimento di un anno dal crimine che avrebbe tolto la sua chiarezza e la sua leadership, i popoli del mondo che si riconoscono nella sua eredità, sono presenti, camminando dietro le sue impronte; affrontando il sistema capitalista, patriarcale, coloniale e razzista che viene imposto ai nostri popoli

NEVEDIVERSA 2017 UNA CAROVANA DI CIASPOLE E NON SOLO

 

Anche quest’anno il Circolo Legambiente Valle d’Aosta aderisce a Nevediversa, la Campagna del Cigno Verde volta a promuovere un approccio dolce al turismo invernale. Come ormai da tradizione, organizzeremo alcune uscite al ritmo lento delle ciaspole, alla scoperta di incantevoli angoli della nostra regione.

L

QUALE FUTURO PER IL CORPO FORESTALE VALDOSTANO? LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE E AL CONSIGLIO REGIONALE

Processionaria

Pubblichiamo integralmente la lettera che abbiamo inviato in forma ufficiale al Presidente della Giunta Regionale e a tutti gli Assessori e i Consiglieri il 22 novembre scorso. Il destino del Corpo Forestale Valdostano è importante per la tutela del nostro ambiente!
Quale futuro per il Corpo Forestale Regionale?
Chi garantirà controllo e tutela in materia ambientale in Valle d’Aosta?
Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo del 19 agosto 2016 n.177, recante disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia, sono entrate in vigore le disposizioni che regolano l’assorbimento del Corpo Forestale dello Stato, essenzialmente, nell’Arma dei Carabinieri.
Per quanto riguarda le regioni e province autonome una “clausola di salvaguardia” inserita nella Legge Delega (7/8/2015 n.124) dispone che: “Nei territori delle regioni a statuto speciale e delle province
autonome di Trento e di Bolzano restano ferme tutte le attribuzioni spettanti ai rispettivi Corpi forestali regionali e provinciali, anche con riferimento alle funzioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria, secondo la disciplina vigente in materia e salve le diverse determinazioni organizzative, da assumere con norme di attuazione degli statuti speciali, che comunque garantiscano il coordinamento in sede nazionale delle funzioni di polizia di tutela dell’ambiente, del territorio e del mare, nonché la sicurezza e i controlli nel settore agroalimentare”.
Il Corpo Forestale Regionale della Valle d’Aosta è dunque fatto salvo e continuerà ad esistere, con il compito di garantire le funzioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria in tema di tutela dell’ambiente e del territorio e di sicurezza e controlli nel settore agro-alimentare, in coordinamento con i corrispondenti organi nazionali.
Le modalità operative con cui il Corpo Forestale Regionale potrà svolgere tali compiti sono da stabilire e saranno individuati in sede di conferenza fra lo Stato e le Regioni.

Allo stato attuale, fatte salve alcune generiche rassicurazioni, non è dato sapere come verrà garantito il passaggio dei compiti e quali intendimenti hanno in proposito gli amministratori e i politici regionali, in particolare coloro che dovranno confrontarsi con lo Stato.
Dal momento che siamo preoccupati di sapere chi e come dovrà garantire in Valle d’Aosta la tutela ambientale e che auspichiamo che la Regione non rimanga isolata e goda degli stessi strumenti e opportunità del resto del territorio nazionale, ci permettiamo di fare una riflessione in proposito e di avanzare qualche proposta.
Dal momento che nelle regioni a statuto speciale restano in funzione i corpi forestali regionali, con i compiti di controllo e di tutela che a livello nazionale vengono garantiti dall’Arma dei Carabinieri, si
possono fare due ipotesi:
a)Il corpo forestale regionale assume tutti i compiti di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria in materia di tutela dell’ambiente e del territorio e in materia di sicurezza e controlli nel settore
agroalimentare, sostituendo, a livello regionale, l’arma dei Carabinieri, con i quali dovrà però coordinarsi a livello nazionale;
b)l’arma dei Carabinieri avrà comunque un nucleo operativo a livello regionale e i compiti suddetti andranno ripartiti con il corpo forestale, o comunque coordinati fra i due enti.
Le funzioni in materia di tutela e controllo dell’ambiente e delle norme agroalimentari attribuite all’arma dei Carabinieri si intrecciano e sovrappongono in parte con le funzioni delegate al
Corpo Forestale Regionale, quindi si rendono necessarie delle scelte di fondo.
Nell’ ipotesi indicata al primo punto, è necessario che il Corpo Forestale Regionale diventi a tutti gli effetti un corpo di polizia e possa svolgerne i compiti in collegamento con le forze di Polizia
nazionali condividendone gli strumenti, (a partire dalla possibilità di accedere alle banche dati nazionali – l’archivio SDI ovvero il patrimonio informativo degli Schedari Informatici e le banche dati
del SISTRI). Ne consegue inoltre l’esigenza di modifiche dello status del CFR sul piano della formazione, dell’inquadramento giuridico, dell’autorità a cui deve rispondere (attualmente i regionali sono inquadrati contrattualmente in modo diverso rispetto ai colleghi delle forze di polizia a carattere nazionale), in modo da poter essere riconosciuti a pieno titolo come forze di polizia
(nell’ambito della Legge 121/81).
Nell’altra ipotesi è necessario che vengano ridefiniti i compiti dell’attuale CFR, nel senso di un ridimensionamento delle competenze che passerebbero all’Arma dei Carabinieri. In questo caso è auspicabile che gli operatori e le competenze maturate a livello locale siano salvaguardati e possano transitare nelle corrispondenti forze di polizia; i decreti legislativi che andranno a normare i corpi forestali regionali per ogni regione e provincia autonoma (per espressa previsione della legge
124/2015) dovrebbero prevedere una finestra tale da permettere esclusivamente al personale interessato, entro una scadenza determinata, di trasmigrare nell’Arma dei Carabinieri con tutte le
prerogative e le attribuzioni anche economiche e normative per essi fissate dalla norma.
Sarebbe inoltre necessario che l’organico di questo nuovo corpo venisse nel complesso potenziato e adeguatamente formato.
Nel primo caso andrebbe riformata da capo a piedi la L.R. 12/2002 sul CF VdA a partire dalla governance. Il Comandante dovrebbe avere precisi requisiti ed una competenza specifica in materie
giuridiche (laurea in giurisprudenza o scienze strategiche) e comunque provenire dal comparto sicurezza (ex ufficiale proveniente da altre forze di polizia).
Nel secondo caso sarebbe doveroso prevedere la possibilità, a domanda, di transitare nei CC a chi voglia mettersi a disposizione, per non disperdere un patrimonio di esperienze accumulate e di studi e raccolte dati effettuati.
Che si scelga l’una o l’altra strada, è importante creare le condizioni perché vengano svolte nel migliore dei modi le funzioni di tutela e controllo del territorio e della sicurezza alimentare, evitando delle duplicazioni o sovrapposizioni fra il corpo forestale e quello dei Carabinieri.
In effetti, le regioni a statuto speciale e le province autonome, tutte interessate dalla “sopravvivenza” dei corpi forestali locali, sono caratterizzate da un’elevata biodiversità, da una spiccata naturalità, da una abbondante presenza di zone ed ambiti protetti e di particolare pregio ambientale e, in parte, sono caratterizzate dalla presenza di più frontiere con l’estero. Per queste ragioni non parrebbe affatto illogico garantire un surplus di tutela che potrebbe essere garantito compiutamente da un potenziamento reale e da un effettivo riconoscimento in dignità professionale di tali corpi forestali e non solo dal mero mantenimento in vita, magari con organici destinati, complice la diminuzione delle
risorse economiche pubbliche causata dalla crisi, ad essere mantenuti fino all’esaurimento delle risorse umane o, peggio, ad essere reimpiegati in altri compiti meno gratificanti.

FESTA DELL’ALBERO 2016 : DIFENDIAMO IL VERDE URBANO, SALVIAMO IL SUOLO DALLA CEMENTIFICAZIONE!

1426319279008-jpg

Torna anche quest’anno, il 20 e 21 novembre prossimi, la Festa dell’Albero, che vede in tutta Italia la mobilitazione di cittadini ed associazioni, amministrazioni e scuole.

Gli alberi, i nostri amici più preziosi in natura, ci proteggono dall’inquinamento atmosferico e acustico, contribuiscono a mitigare gli effetti dei mutamenti climatici, riducono il pericolo di frane e smottamenti. Rendono unici i nostri paesaggi, ci regalano ombra, frutti, legno.

Gli alberi, ogni giorno, ci stringono in un abbraccio ideale che vogliamo ricambiare tutelandoli dalla pericolosa e incessante avanzata del cemento. In particolare dedichiamo l’edizione 2016 della Festa dell’Albero al fenomeno preoccupante del consumo di suolo. Ogni anno in Europa vengono inghiottiti dal cemento 1000 chilometri quadrati di suolo nell’assenza totale di norme condivise che lo difendano. Per questo quasi 400 associazioni in tutta Europa tra cui Legambiente, insieme ai cittadini, si sono mobilitati per chiedere all’UE norme specifiche per tutelare il suolo, bene essenziale alla vita, come l’acqua e l’aria.

Il Circolo valdostano di Legambiente sarà presente domenica 20 novembre in Place des Franchises dalle ore 15 alle ore 18 con un banchetto informativo che, oltre a proseguire la raccolta delle firme nell’ambito della campagna People4soil (www.salvailsuolo.it), iniziata domenica scorsa nel corso del Green Day con la sottoscrizione, tra gli altri, di Luca Mercalli, offrirà spunti di riflessione e discussione sullo stato delle alberate e delle aree verdi di Aosta.

Vogliamo invitare i cittadini a riflettere sull’importanza di questi temi, a partire dalla nostra realtà urbana. Presenteremo alcune situazioni che necessitano di intervento urgente e apriremo, con questo primo momento pubblico, una riflessione, che speriamo sarà condivisa da chi ci amministra, sull’urgenza di sperimentare nuove forme di gestione del verde cittadino, a partire da esperienze virtuose già in atto in altre città.

A questo scopo, Legambiente Valle d’Aosta annuncia l’impegno di organizzare un convegno in primavera sui temi del verde pubblico, delle piante, dell’ambiente cittadino vivibile.

CAROVANA DELLE ALPI 2016 : UN’ALTRA ESTATE CON LEGAMBIENTE ALLA SCOPERTA DI OPPORTUNITÀ E MINACCE PER IL NOSTRO TERRITORIO

CarovanaDelleAlpi2

E’ partita ad inizio luglio Carovana delle Alpi, la campagna nazionaleestiva di Legambiente che ogni anno fa il punto sulla situazione ambientale lungo l’arco alpino.

Per l’edizione 2016 il Circolo valdostano del Cigno Verde ha individuato alcune criticità, rappresentate sia da pratiche turistiche a nostro avviso errate che da progetti di opere che potrebbero negli anni futuri pregiudicare la bellezza e la naturalità dei nostri monti.

Accanto agli elementi di preoccupazione, emerge però una sempre maggiore sensibilità alle tematiche ambientali anche da parte di amministrazioni locali ed operatori turistici.

Entrambe questi aspetti saranno al centro delle nostre uscite estive, il cui programma è il seguente:

31 LUGLIO – VALGRISENCHE: salita al rifugio Chalet de l’Epée. Un itinerario semplice, che si sviluppa parzialmente su strada poderale per poi proseguire su sentiero tra pini secolari e fioriture alpine. Un’occasione per riflettere insieme sui danni del saccheggio idroelettrico delle nostre vallate e sull’impatto negativo dell’utilizzo dell’elicottero a scopo turistico.

Saremo accompagnati da un gruppo di cittadini che sta dialogando con l’amministrazione locale per una più corretta gestione del territorio.

Ritrovo alle ore 10 in Fraz. Usellières (Valgrisenche) – Dislivello in salita: circa 600 m.

Tempo di percorrenza 2/2.30 ore. Possibilità di pranzare al rifugio ad un prezzo convenzionato.

5 AGOSTO – OLLOMONT: in collaborazione con Mountain Wilderness, giornata di protesta contro l’utilizzo di elicotteri per il turismo estivo. Maggiori dettagli su questa iniziativa verranno forniti nei prossimi giorni.

ALLA SCOPERTA DEL RU COURTAUD (COURTOD) con due itinerari – il 7 e il 21 AGOSTO – lungo uno dei più celebri ru della Valle d’Aosta, per condividere questa forma particolare di escursionismo lungo la splendida Val d’Ayas:

> 7 AGOSTO – ALLA SCOPERTA DELLA PRESA D’ACQUA DEL RU.

Ritrovo a Saint-Jacques (Ayas) alle ore 9.30. Percorso di circa 2 ore, dislivello di 100 mt.

> 21 AGOSTO – Dal Col de Joux sino al salto di quota nella valle d’Ayas.

Ritrovo al Col de Joux alle ore 9.30.

Percorso di circa 2.30/3 ore sia all’andata che al ritorno. Dislivello inferiore ai 100 mt.. Necessaria lampada frontale o torcia elettrica, per la presenza di alcune brevi gallerie. Al rientro, possibilità di merenda in un locale del Colle a prezzo convenzionato.

11 SETTEMBRE – IN COLLABORAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE AUGUSTA: V MARCIA PER LA SALVAGUARDIA E LA TUTELA DEL VALLONE DI SAN GRATO (Issime).

Dopo l’approvazione del nuovo Piano Regolatore Comunale di Issime, che ripropone il progetto di infrastrutturazione stradale del vallone di San Grato già bocciato nel 2010, vogliamo dare il nostro appoggio all’associazione Augusta per respingere nuovamente questo tentativo di banalizzazione del territorio.

Ritrovo ad Issime (Piazza del paese) alle ore 9.30 – Salita in auto fino all’imbocco del sentiero. Dislivello circa 600 m. Tempo di percorrenza 2/2.30 ore.

Passeggiata semplice ed adatta a tutti. Sarà offerto ai partecipanti uno spuntino a base di toma, pane di segale e la batüa (panna, vino e zucchero).

Le iniziative sono totalmente gratuite.

Il pranzo al sacco è a carico dei partecipanti.

Il Circolo Legambiente Valle d’Aosta declina ogni responsabilità per eventuali danni ai partecipanti o a terzi. L’organizzazione si riserva di abbreviare o sospendere le iniziative, anche all’ultimo momento, in caso di avverse condizioni meteo.

Info e prenotazione obbligatoria: Alessandra (331-3107463; mail: a.piccioni09@gmail.com.) Dario (328-1291114)